Blog
24/07/2017

Lampade design





Lampade design

Prima iniziare a parlare di lampade è bene fare una breve parentesi su cos’è il design e come si realizzano opere in design.

Significato di design e designer

Lo stile delle lampade negli anni

I tipi di lampade di design

Dove si posizionano in casa?

I materiali utilizzati

Il costo delle lampade di design

Le marche più affidabili

 

La parola Design deriva dall’inglese e letteralmente significa progetto, ma a sua volta la parola progetto proviene dal latino e significa guardare avanti. Quindi riassumendo il tutto possiamo affermare che il design è “ un progetto che parte dalla consapevolezza del presente e volge verso il futuro”.

Il design è dunque una disciplina a cavallo fra l’ingegneria e l’arte, il perfetto anello che congiunge la produzione di un oggetto e la sua vendita sul mercato. Tuttavia non esiste una sola forma di design ma tante e diverse: ad esempio l’ingegneria industriale produce oggetti di design atti alla vendita, mente il design interior progetta spazi, così come il graphic design progetta la comunicazione e l’illustrazione. Insomma, la parola design è davvero ovunque. Purtroppo, questo abuso del termine, ci fa incorrere in un grande rischio, quello di farle perdere il suo significato originario di progetto e di trasformarla sempre più spesso in un sinonimo di moderno, accattivante, originale.

Ma questo è sbagliato. Il design non deve essere confuso ed identificato con un oggetto, ma deve rappresentare qualcosa di innovativo, un percorso di stile che gli artisti del design vogliono proporre, nei vari ambiti della nostra vita.

Cosa fa il designer?

 

Una volta capito l’importanza del design, cerchiamo di chiarire cosa fa un designer e in cosa consiste il suo lavoro. Dalla traduzione letterale del termine, risulterebbe essere un progettista, un disegnatore di progetto il cui operato, varia a seconda dell’abito in cui presta il suo lavoro.

Una figura a metà fra il progettista e l’artista, anche se in realtà non è ne l’uno ne l’altro. Tutto ciò rende difficile trovare una vera e propria definizione che vada bene per questa figura, molto ricercata nell’attuale mercato del lavoro.

Ritornando all’argomento del titolo, ossia all’illuminazione, vogliamo soffermarci sull’importanza del design quando si sceglie una lampada.

 

Design Lampade: come sceglierla?

L’illuminazione, da sempre rappresenta un punto fondamentale per la nostra casa senza la quale nemmeno l’arredamento più bello, avrebbe valore. Il perché è molto facile da capire. La luce è un elemento essenziale per dare vita agli spazi e per rendere vivibile qualsiasi tipo di ambiente.

Da ciò nasce l’importanza di scegliere le lampade adatte per la nostra casa e di farsi consigliare da un design di interni che sappia coniugare al meglio le caratteristiche dell’accessorio con le nostre esigenze, fornendoci un oggetto che non sia solo un prodotto utile, ma una vera e propria opera d’arte.

In tal caso la nostra design lampada diventa un accessorio ricercato, non alla portata di tutti, ma solo ed esclusivamente per pochi.

Ma cosa intendiamo con il termine design di una lampada? Si tratta in sostanza di una forma d’arte che serve per illuminare uno spazio di dimensioni ridotte, ma con stile ed eleganza. In questo caso le lampade sono gli accessori indispensabili per realizzare de perfetti giochi di luce e per arricchire un ambiente.

Se state pensando che lo scopo di una lampada sia solo quello di illuminare, allora vi sbagliate di grosso. Infatti, oltre a dare luce, una lampada deve rappresentare un pezzo di arredamento e magari completarlo, ma senza stancarci. Pertanto, prima di comprare una lampada qualsiasi, cercate di fare tutte le valutazioni possibili, per evitare che col tempo, quell’oggetto possa sembrarvi di troppo ed alieno al contesto d'arredo!

Soprattutto se siete alle prese con il vostro primo acquisto, lasciatevi consigliare da chi è più esperto, come ad esempio un interior design e affidatevi alla sua esperienza e conoscenza del campo.

 

Design: i diversi stili

 

Il design tuttavia non è una scoperta dell’epoca moderna, ma da sempre lo ritroviamo ispirato ai diversi stili. Vediamo qualche differenza negli anni.

Il design vintage anni 70 continua ancora oggi ad affascinare per le linee geometriche essenziali e pulite. Le lampade anni 70 privilegiano le forme curve e i materiali metallici, un po’ freddi, che rompono definitivamente le tradizioni classiche del passato. Questa forma di design segna il confine fra il vecchio e il futuristico. Una bellissimalampada design anni 70 è quella proposta dalla Kartell modello Cindy.

Gli anni 80 invece presentano un design semplice e già molto contemporaneo, dove le linee sono raffinate ed eleganti, rispetto ai decenni recedenti. I materiali sono in vetro e metallo e comunque si preferiscono le trasparenze, come ad esempio il vetro di Murano. Bellissima è la lampada da tavolo di Artemide modello Shogun.

E cosa ritroviamo invece negli anni 90? Semplicità, eleganza ed essenzialità sono le linee preferite dalla lampade design degli anni 90, dove l’illuminazione diventa sicuramente più sobria ma senza tralasciare l’innovazione. Le lampade preferite in questo decennio sono a sospensione realizzate in vetro o in plexiglas oppure in materiali del tutto coprenti e scintillanti.

Mentre le lampade da tavolo assumono forme semplici ma sempre con qualche particolare che ne richiama l’originalità. Un esempio dilampada design del periodo è quella disegnata da Mourgue per Ligne Roset.

E cosa abbiamo oggi sul mercato delle lampade design? Nello scenario attuale le lampade più di tendenza sono quella a piantana o a stelo per illuminare solo alcune zone della casa o solo un piccolo spazio. Ciò che colpisce delle attuali lampade non è solo la funzione innovativa ma anche quella estetica. Lampade e arredamento sono ormai diventati un tutt’uno, una compensazione perfetta fra ciò che è funzionale e ciò che è bello, dove l’importanza dell’uno non deve per forza escludere l’altro.

 

Tipologie di lampade

Avete deciso di acquistare una lampada? Sappiate allora che esistono diverse tipologie, ecco alcune differenze che possono esservi utili per fare una scelta.

  1. Lampada design arco , questa tipologia di lampada appartiene alla famiglia delle grandi lampade da terra ed è particolarmente indicata sia per illuminare che per arredare uno spazio. Impossibile non notarla, sia per la sua eleganza che per la sinuosità del suo arco. Mettetela in bella vista, perché una lampada ad arco non può rimanere nascosta.

  2. Lampada design led , si tratta di una lampada moderna che ha rivoluzionato il modo di intendere l’illuminazione, sia per la durata che per il risparmio, proprio grazie all’ ottimizzazione della luce prodotta.

Tuttavia prima di scegliere quale lampada acquistare si deve tener conto dell’elemento costo, che è un fattore da non sottovalutare mai. Una lampada ad arco può avere un prezzo che parte dai 100 €, ma ciò che fa la differenza è la tecnologia a led, che sicuramente ha un costo iniziale maggiore, ma che potrà garantire un notevole risparmio in bolletta che noterete certamente nel tempo.

Dove posizionare la lampada

Sono tanti i luoghi della casa dove poter installare una lampada e la scelta dipenderà da cosa volete illuminare.

Le lampade a sospensione ad esempio possono portare luce su di una zona particolare, come per esempio il tavolo, un piano da lavoro o da studio; mentre le lampade da terra possono illuminare uno spazio più ampio e anche rivestire un compito d'arredamento. Le lampade piccole invece sono più adatte per i comodini e in questo caso il consiglio è quello di optare per modelli in possesso di una luce calda e intima. Invece le lampade da parete, conosciute anche con il nome di abat-jour, sono adatte per illuminare diversi ambienti, come ad esempio un corridoio.

Infine non dimenticate l’importanza delle lampade da giardino, che oltre a dare luce al vostro spazio esterno, vi permetteranno di tenere lontani i ladri da casa vostra.

Amate leggere, soprattutto la sera? Allora non dimenticate che potrete comprare una piccola lampada da libro, utilissima per dare luce alla vostra lettura, in ogni momento della giornata, in cui deciderete di dedicarvi a questo piacevole passatempo.

Dove mettere le lampade

E in quale camere vanno posizionate le lampade di design?

Anche qui dipende dalla tipologia di lampada che comprate. Vi faccio un esempio, le lampade di design ad arco sono perfette per il salone mentre quelle a sospensione per la zona pranzo. Preferite invece le lampade design a parete per la zona notte e magari una lampada a led a braccio per la scrivania.

E in bagno e e la cucina resteranno senza luce?

Ricordate che l’illuminazione del bagno si concentra tutta intorno allo specchio, pertanto dovrete essere abili a giocare con delle luci, messe proprio in questa posizione. Preferite una luce bianca e morbida, simile a quella naturale. Mentre in cucina optate per lampadari sospesi ampi, con luce fredda e sempre a led, perchè l'economia domestica non è un fattore che possiamo permetterci di trascurare di questi tempi.

Materiali e resistenza delle lampade

Volete una lampada bella e resistente? Allora scegliete i materiali giusti.

Quelle con stile più classico sono realizzate di solito in ceramica oppure legno, adatte ad ambienti dal design più tradizionale. Se vorrete invece un ambiente futuristico allora dovrete ambire a lampade realizzate in vetro, plexiglas o metalli cromati, in grado di conferire un effetto ultra moderno. E se invece vi piace il fai da te e vi reputate dei validi bricoleur, allora perché non provate a realizzare una lampada di carta?

Sicuramente se volete una lampada che vi duri nel tempo, allora dovrete acquistarne una realizzata con ottimi materiali; in questo caso, senza togliere nulla alle aziende italiane, le lampade tedesche sono davvero indistruttibili. Molto belle, dal design elegante e leggero, sono invece quelle svedesi, che potrete comprare, senza difficoltà, da Ikea.

 

Prezzi e sconti

 

I prezzi delle lampade variano molto a seconda della qualità del materiale scelto, del look e della'impiego della tecnologia a led o meno. Ottimi affari con prezzi anche molto concorrenziali e scontati, li potrete trovare sui siti online oppure negli outlet di qualche e commerce specializzato in materiale elettrico e di illuminazione. Qui potrete trovare tante tipologie da lampade, anche modelli vintage, in perfetto stile anni 70/80, che arricchiranno il vostro arredamento.

Comprare o meno una lampada a basso costo?

Sinceramente non si può dire mai che convenga del tutto, anche perché, se la qualità è scarsa (certe volte i modelli sono di imitazione), finirete per avere un prodotto che vi durerà poco e con una luce che calerà presto d'intensità.

Forse è meglio spendere qualcosa in più, magari acquistando in un discount oppure in un outlet, però essere sicuri della qualità dei materiali della lampada.

Le marche più conosciute

Avete deciso quindi di comprare una lampada? Sperando che questo articolo vi sia stato utile, cercheremo di offrirvi qualche suggerimento in merito.

Per prima cosa sappiate che le marche più famose sul mercato sono: Artemide, Kartell, Foscarini, Flos, la cui eleganza e qualità dei materiali sono indiscutibili.

Inoltre, suggeriamo di concentrare le vostre attenzioni su due lampade davvero particolari:

  1. Lampada design Eglemtek , si tratta di una lampada estremamente moderna ma con base in marmo, che coniuga perfettamente l’eleganza alla robustezza dei materiali. È un modello di lampada ad arco, che richiama molto lo stile vintage anni 70. Adatta in diversi ambienti della casa, in particolare per il salotto.

  2. Lampada design Danese, è una tipologia di lampada made in Italy, realizzata con materiali innovativi e senza tempo. È una collezione contemporanea, adatta a tutti gli ambienti della vostra casa.

E per finire, volete sapere quali sono le ultime novità sul mercato? Vi state chiedendo quali sono tendenze del momento nel campo dell'illuminazione domestica?

L’ultima novità sul mercato italiano sono le lampade a led con caricatore usb, che funzionano persino senza filo.

Cosa significa? Mentre il led vi permetterà di risparmiare fino al 35% di consumo energetico, la porta usb vi permetterà di caricare lo smartphone, il tablet, l’e-book, ogni volta che ne avrete bisogno.

Una bella comodità che, in una società in cui siamo sempre connessi e in comunicazione con qualcuno, può diventare davvero indispensabile. Una idea intelligente per qualche regalo da fare a Natale.